Subscribe:
    Subscribe Twitter Facebook

    Saturday, June 12, 2010

    Come diventare un SEOsX

    Io non sono una MacOSSESSA, ma ho deciso di lanciarmi e la domanda per me che lavoro almeno 12 ore al pc come SEO sorge spontanea. Avrò tutti i miei strumenti SEO?

    Facciamo una lista di quello che ci serve per trasformarci in SEOsX:
    1. Firefox: nonostante Safari sia il browser nativo e storico dei Mac, Firefox ed i suoi plugin sono ancora uno strumento irrinunciabile per i SEO (e non solo). La versione 3.0 è migliorata molto in termini di prestazioni grazie a parte del codice scritto in COCOA. I plugin compatibili anche con l’ultima release e che suggerisco di utilizzare sono completamente gratuiti:
      a. SearchStatus, l’estensione di Craig Raw offre dei comodissimi shortcut alle query/comandi più usati dai SEO (back link-, site-, robots-checker, whois, etc.);
      b. WebDeveloper, l’essenza dei plugin per Webmaster scritto dal grande Chris Pederick (autore anche del plugin User Agent Switcher);
      c. Rank Checker per controlli al volo dei posizionamenti, per check più approfonditi e avanzati consiglio i programmi desktop più stabili (vedi punto 3.);
      d. Seo for Firefox comodo “nofollow” checker per i pigri oltre ad essere un generatore di serp “inforich”;
      e. User Agent Switcher; qui trovate la lista dei principali user-agent non molto aggiornata. Chris Pederick ci offre un vero simulatore dello spider. Alcuni degli usi che se ne possono fare non sono proprio SEO…..
    2. Alzi la mano chi non conosce Xenu Link Sleuth per PC? Un software di simulazione dello spider e di analisi dei broken link, dei server headers e dei redirect; per giunta gratuito. Ecco l’equivalente per OsX:
      a. Integrity è la soluzione ideale, con la possibilità di settare anche User-Agent personalizzati. E’ completamente gratuito.
    3. L’installazione di Parallels sembra obbligatoria per non rinunciare allo strumento principe di ogni lavoro SEO: il Rank Checker.
      Il monopolio pressoché indiscusso di WebCeo e la scelta della software house di non pubblicare la versione per OsX, sembrava lasciare poche alternative. Mi sono però imbattuto nella ricerca di uno strumento nativo. Con meraviglia e stupore ho trovato tre strumenti validi ed alternativi al WebCeo virtualizzato (che peraltro funge egregiamente):
      a. Rank Tracker con oltre 365 motori in cui eseguire la ricerca. Abbastanza semplice ma efficace, lontano anni luce dalle features di WebCeo. Due versioni con prezzi e funzioni decisamente differenti: Pro $ 87, Enterprise $ 267.
      b. SERank ottimo prodotto di cui sono Beta Tester ufficiale . Anche in questo caso sono due le versioni: Standard $69,95 e Professional $ 99,65. Strumento ancora giovane ma intuitivo ed in continuo aggiornamento. Da tenere d’occhio;
      c. Advanced Web Ranking prodotto stupendo, disponibile anche in lingua italiana, innumerevoli funzioni, supporto e aggiornamenti impeccabili. E’ il WebCeo per OsX, anche se in realtà, la software house ha scommesso su di un prodotto multipiattaforma: Win, OsX, UniX. Meriterebbe un post a parte. E’ offerto in quattro versioni: Standard $ 99, Professional $ 199, Enterprise $399 e Server $ 599. Qui le differenze.
    4. Oltre i numerosi tool online che svolgono un lavoro egregio, spesso si sente l’esigenza di utilizzare strumenti Desktop più avanzati. Alcune funzioni e limiti degli script online, vengono infatti spesso superati grazie a questi software. Sitemap per siti di grandi dimensioni, ID nelle url da eliminare o estensioni di file da filtrare, sono operazioni che solo alcuni programmi sono in grado di eseguire:
      a. iGooMap, è il mio generatore di sitemap preferito. Non perde un colpo, anche se non ha ancora la funzione di simulazione dello User Agent, che troviamo invece in GSite Crawler per Windows (peraltro gratuito). Costo $ 24,95.
      b. Rage Sitemap Automator della stessa casa produttrice di SERank. A mio avviso molto simile al primo software, unica differenza l’interfaccia grafica meno accattivante e meno intuitiva. Del tutto simili anche nel costo: $ 29,95;
      c. Map It Sitemapper. Funzioni molto poco evolute e prodotto oramai datato. Costo $ 19,95.
    Insomma sinora avevo 1000 scuse per non passare a Mac, ora sembra non ce ne siano anche se cambiare le mie abitudini, soprattutto ora che sono stracolma di lavoro un po' mi secca. Io consiglio di averli entrambi. Un PC e un iMac ( almeno quello è il progetto) . Attualmente l'unico oggetto Apple che possiedo è un iPod Touch da 32 e, nonostante questa febbre da iPhone 4, ho appena comprato un bel telefono con Android ( il DROID) e sono del tutto convinta che sia meglio di un iPhone.

    iPad invece mi sembra una bella presa in giro e aspetto la risposta di Amazon Kindle. SEOsX sarà che non ce l'ho ancora tra le mani, ma non vi capisco. Non mi convincete affatto. Ma attendo che qualcuno mi converta...

    3 commenti:

    Gabriele Auriemma said...
    This comment has been removed by the author.
    Gabriele Auriemma said...

    Mi sembra strano che non hai nominato IBP. Non lo usi o pensi che non sia all'altezza? Inoltre non so se esiste la versione per Mac

    Fare-il-SEO said...

    ciao infatti non lo uso, lo trovi molto utile?

    Real Time Web Analytics